Studi e Ricerche

I presenti documenti sono redatti dall’Ufficio Retail Research della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo e sono destinati agli investitori privati.

Flash azioni - 18.05.2022

Notizie sui mercati
Seduta particolarmente tonica per i mercati azionari nella giornata di ieri, sostenuti sia da segnali di miglioramento della situazione sanitaria in Cina che, soprattutto, da nuovi dati macroeconomici positivi. Questi ultimi sembrano poter allentare le preoccupazioni riguardo a conseguenze negative più marcate derivanti da una politica monetaria aggressiva da parte delle banche centrali e in particolare della Fed. Wall Street ha così archiviato una nuova seduta in deciso rialzo dopo quella dello scorso venerdì con i principali indici che hanno registrato nuovi massimi sull'ultima settimana. La seduta odierna potrebbe registrare il prosieguo dell’intonazione positiva anche se in un contesto ancora di cautela. In mattinata, le Piazze asiatiche hanno registrato nuovi generalizzati rialzi trainati, in particolare, dagli acquisti sul comparto Tecnologico.

Scarica documento

Il BTP decennale torna sopra al 3%

Macroeconomia: l'aumento dei rendimenti pesa sui dati immobiliari di marzo
Azionario: listini europei prudenti dopo il recupero delle scorse sedute
Titoli di Stato e tassi: la seduta prosegue con un tono negativo mentre continuano le dichiarazioni in senso restrittivo degli esponenti della BCE
Obbligazioni Corporate/Bancarie: movimenti modesti, i dati sul CSPP indicano una stabilizzazione degli acquisti  
Cambi: Euro/dollaro resta sopra quota 1,05
Risorse di base: nuovo deciso rialzo per il petrolio, in un contesto di aumento della domanda di benzina sostenuta da Cina e Stati Uniti

Scarica documento

Listini europei poco mossi in avvio di seduta

Focus: la Commissione presenta le proposte europee per l’uscita dalle forniture energetiche russe
Macroeconomia: inflazione inglese ai massimi dal 1982
Azionario: mercati oggetto di nuove ricoperture
Titoli di Stato e tassi: avvio cauto tra le dichiarazioni hawkish dei banchieri centrali
Obbligazioni Corporate/Bancarie: avvio poco mosso, dopo una seduta di recupero degli HY
Cambi: torna ad indebolirsi l’euro dopo il recupero di ieri
Risorse di base: oggi la presentazione del piano energetico UE

Nel file allegato si veda tabella dati di mercato delle principali risorse di base.

Scarica documento

Settimana dei Mercati - 16.05.2022

La settimana entrante

Europa: in pubblicazione oggi le previsioni economiche di primavera della Commissione UE da cui si attende per l’area euro un’ampia revisione al ribasso delle stime di crescita e al rialzo di quelle d’inflazione. La prima stima del PIL Eurozona del 1° trimestre, con le variazioni di +0,2% t/t e +5% a/a, dovrebbe essere confermata dalla seconda lettura. La statistica definitiva sull’inflazione di aprile area euro è prevista confermare i risultati (+0,6% m/m e +7,5% a/a) di quella provvisoria. La rilevazione preliminare della fiducia dei consumatori di maggio è attesa mostrare un sentiment in lieve calo e ben al di sotto della media di lungo periodo. Risultati societari: Engie, Vodafone Group.

Italia: la lettura finale del CPI armonizzato di aprile è prevista in linea con la stima preliminare (+6,6% a/a). Risultati societari: Saras, Società Cattolica di Assicurazioni, Assicurazioni Generali.

USA: ad aprile le vendite di case esistenti e la variazione dei cantieri e delle licenze edilizie dovrebbero confermare il rallentamento immobiliare provocato dai prezzi elevati delle abitazioni e dal rialzo dei tassi sui mutui, mentre l’indicatore anticipatore dovrebbe prefigurare una moderazione nella crescita dell’economia. Nello stesso mese sono attese in aumento sia le vendite al dettaglio (+1% m/m, con un contributo positivo dal comparto auto) sia la produzione industriale (+0,5% m/m) con indicazioni di espansione diffusa sia al manifatturiero (auto incluse), sia all’estrattivo, alla luce dell’ultimo report sul mercato del lavoro. A maggio, infine, gli indicatori sul sentiment manifatturiero NY Empire e Philadelphia Fed dovrebbero confermare un’espansione del settore. Risultati societari: Home Depot, Wal-Mart Stores, Cisco Systems, Lowe's.

Scarica documento

Focus Valute Trimestrale Emergenti - 06.05.2022

  • Data pubblicazione 06.05.2022
  • Valute
La guerra in Ucraina ha modificato drasticamente lo scenario per i Paesi emergenti e ne ha alterato le prospettive. Alla reazione iniziale legata all’impennata dei prezzi delle materie prime e dell’avversione al rischio, che ha penalizzato i paesi con rating minore (e rendimenti di mercato più elevati), è seguita una valutazione di più ampio respiro sulle ripercussioni della guerra, considerando anche che la visibilità su una risoluzione pacifica appare ancora molto bassa. I principali canali di impatto sui Paesi emergenti passano dalle sanzioni economiche e finanziarie imposte alla Russia dal fronte occidentale, alla conseguente rimodulazione delle catene di approvvigionamento delle materie prime e da ulteriori spinte al rialzo sull’inflazione che era già in accelerazione. Data la posizione economica e la struttura finanziaria, le economie dell’Europa emergente sembrano le più penalizzate, mentre un impatto minore si rileva sui paesi australi; infine, Sud Africa e, soprattutto, Brasile potrebbero trarre dei vantaggi dalla redistribuzione delle vie di approvvigionamento delle materie prime. 

Scarica documento

Focus Franco svizzero - 22.02.2022

  • Data pubblicazione 22.02.2022
  • Valute
L’economia svizzera si è dimostrata molto resiliente alla crisi economica legata alla pandemia, anche grazie alle significative misure pubbliche messe in atto a sostegno dell’attività. Nonostante la crescita continui su ritmi sostenuti, l’economia elvetica non ha subìto l’accelerazione dei prezzi registrata in molti paesi del globo. Questo permette alla Banca centrale svizzera di mantenere un atteggiamento molto attendista in merito all’uscita dalle attuali condizioni di politica monetaria estremamente espansive. Proprio questa divergenza rispetto a quanto il mercato attende dalla BCE potrebbe essere alla base di uno “scollamento” delle prospettive tra titoli svizzeri e tedeschi, che negli ultimi due anni hanno mostrato una correlazione decisamente stretta. Nel prossimo futuro, a fronte di una probabile continua salita dei rendimenti europei, i tassi svizzeri potrebbero mostrare una tendenza al consolidamento. Alla luce di queste considerazioni, si potrebbe assistere anche a una fase di modesto indebolimento del franco svizzero.
 

Scarica documento

Focus Dollaro statunitense - 21.02.2022

  • Data pubblicazione 21.02.2022
  • Valute
L’accelerazione restrittiva della Fed rafforzerà il dollaro
L’anno per gli Stati Uniti è iniziato con un rallentamento della crescita dovuto sia ad una ricombinazione delle componenti della domanda che alla recrudescenza della pandemia e delle sue conseguenze in termini di consumi e produzione. Contestualmente, la disoccupazione continua a scendere e, con il mercato del lavoro in piena occupazione, i salari continuano a salire rincorrendo l’inflazione, ai massimi da 40 anni. Di conseguenza, la Fed ha scelto di accelerare sulla strada della restrizione monetaria. I rendimenti di mercato avevano di fatto “anticipato” questo cambio di marcia della Banca centrale e, al momento, la restrizione implicita nei prezzi di mercato risulta in linea con le nostre attese sul target rate. Questo scenario dovrebbe supportare un ulteriore apprezzamento del dollaro statunitense, almeno nel breve periodo.

Scarica documento

Soft Commodity: cauto ottimismo sul 2021

Sulle commodity agricole ci si appresta a chiudere il 2020 con quotazioni particolarmente elevate. Restiamo dell’idea che l’appeal degli Agricoli sugli investitori possa continuare a favorire un quadro positivo per il prossimo anno, anche per il sotto comparto delle Soft Commodity.

Scarica documento

Testo modificato il: 11.04.2015