Studi e Ricerche

I presenti documenti sono redatti dall’Ufficio Retail Research della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo e sono destinati agli investitori privati.

Volumi sottili per gli scambi azionari

Macroeconomia: blando aumento per vendite al dettaglio italiane di ottobre
Azionario: ricoperture sui listini europei in clima di volumi contenuti e di generale cautela
Titoli di Stato e tassi: rendimenti stabili, la Cina taglia le riserve obbligatorie
Cambi: l’euro/dollaro oscilla intorno ad area 1,13 in apertura di Wall Street
Risorse di base: prevale il positivo in apertura americana ma solo grazie al rialzo del petrolio

Scarica documento

Prudenza sui mercati

Macroeconomia: nuovo brusco calo per gli ordini all’industria tedeschi ad ottobre
Azionario: i temi fondamentali restano Omicron e le possibili reazioni delle Banche centrali all’inflazione
Titoli di Stato e tassi: i rendimenti consolidano il ribasso
Cambi: l’euro/dollaro torna sotto 1,13 in apertura di settimana
Risorse di base: apertura positiva in scia al rialzo del petrolio

Scarica documento

Settimana dei Mercati - 06.12.2021

La settimana entrante

Europa: il difficile momento della prima economia europea dovrebbe essere confermato dall’indice ZEW tedesco di dicembre, stimato in discesa a causa delle strozzature nelle catene di approvvigionamento, della recrudescenza pandemica e dell’elevata inflazione. La produzione industriale in Germania è attesa tornare a una crescita congiunturale ad ottobre, anche se a ritmi blandi a causa dei colli di bottiglia produttivi. La seconda lettura dell’inflazione tedesca ribadirà probabilmente l’accelerazione registrata nella stima flash, mentre, infine, la lettura finale del PIL Eurozona del 3° trimestre è prevista identificare una crescita coincidente con quella rilevata dalla stima preliminare.

Italia: la produzione industriale di ottobre dovrebbe registrare un rallentamento tendenziale a causa della scarsità di componenti e dei relativi rincari; nei mesi successivi ulteriori freni potrebbero essere rappresentati dall’indebolimento della domanda estera e dalla maggiore incertezza sul piano sanitario.

USA: per la prima stima dell’indice dell’Università del Michigan di dicembre è atteso un marginale miglioramento, comunque rientrante nella tendenza al ribasso causata dai timori per l’inflazione. La bilancia commerciale di ottobre dovrebbe mostrare un netto ridimensionamento del deficit, grazie al rimbalzo delle esportazioni, indicando così un contributo positivo del canale estero alla crescita del 4° trimestre. Risultati societari: Campbell Soup, Costco Wholesale, Oracle.
 

Scarica documento

Flash Azioni - 06.12.2021

Notizie sui mercati

I mercati azionari hanno archiviato una settimana, quella scorsa, caratterizzata da un aumento della volatilità e dalle accresciute preoccupazioni riguardo a un possibile atteggiamento meno accomodante da parte della Fed. Le quotazioni di mercato sembrano scontare uno scenario di più ampie restrizioni da parte dei Governi in risposta all'aumento dei contagi e soprattutto di quelli derivanti dalla nuova variante Omicron, sebbene si attendano ancora riscontri precisi sulla maggiore pericolosità. Visti l'approssimarsi del finale d'anno e gli ampi guadagni realizzati fino ad ora, gli investitori sembrano non voler assumere particolari posizioni di acquisto. Un clima di generale cautela sembra proseguire anche in avvio di nuova ottava, con le Piazze asiatiche che accusano nuovi cali frenati anche da nuove preoccupazioni riguardo ai rapporti tra USA e Cina; secondo indiscrezioni di stampa (fonte CNN), gli Stati Uniti sarebbero pronti ad annunciare un boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali di Pechino. Di contro, i listini europei potrebbero registrare ricoperture dopo i cali delle ultime sessioni. 

Scarica documento

Focus Dollaro statunitense - 17.11.2021

  • Data pubblicazione 17.11.2021
  • Valute
La crescita statunitense, frenata nel 3° trimestre dalle strozzature produttive, dalla variante Delta e dalla riduzione delle sovvenzioni governative alle famiglie, dovrebbe recuperare ritmo nel trimestre in corso sulla base degli indici di fiducia delle imprese e del recupero occupazionale che sta aumentando le disponibilità finanziarie delle famiglie. Il principale rischio al ribasso è rappresentato dalla sorprendente dinamica inflazionistica a cui la Fed ha risposto con l’avvio del tapering e un messaggio marginalmente meno accomodante. Ridimensionato lungo il percorso parlamentare anche il pacchetto di stimolo voluto da Biden. Le prospettive per i Treasury restano legate a filo doppio all’evoluzione dello scenario d’inflazione, sia come dati affettivi che come aspettative, e alla funzione di reazione della Fed all’aumento dei prezzi. Per il dollaro, l’orizzonte di previsione di breve resta improntato a un consolidamento della forza del biglietto verde, in linea con l’avvio del tapering e con il robusto ciclo economico USA. Nel lungo periodo è probabile che anche il cambio di passo restrittivo della BCE, dovuto al consolidamento del recupero economico nell'Eurozona, inizi a influire sull'euro consentendo al cambio di tornare sopra 1,20.

Scarica documento

Focus Dollaro statunitense - 13.10.2021

  • Data pubblicazione 13.10.2021
  • Valute
La crescita statunitense è vincolata soprattutto dalle strozzature produttive che non consentono all’offerta di soddisfare la domanda, che rimane eccessiva. Tale situazione, più presente nel settore manifatturiero, ha contribuito al fenomeno inflattivo cui la Fed è in procinto di rispondere con il tapering. Il sostegno governativo potrebbe essere limitato dai dissidi interni ai Democratici. L’orizzonte di previsione di breve è improntato a un consolidamento dell'apprezzamento del dollaro. Nel lungo periodo è probabile che anche il cambio di passo restrittivo della BCE, dovuto al consolidamento del recupero economico nell'Eurozona, si faccia sentire sull'euro, consentendo al cambio di tornare sopra 1,20. 

Scarica documento

Focus Valute Trimestrale EMG - 17.09.2021

  • Data pubblicazione 17.09.2021
  • Valute
Durante i mesi estivi il debito sovrano emesso in valuta locale delle economie emergenti è stato condizionato dalla fase di svolta delle Banche centrali che, in media, stanno gradualmente rimuovendo lo stimolo monetario sia attraverso la riduzione dei programmi di acquisti sia alzando i tassi target (con alcune eccezioni, come la Turchia). I paesi che offrono rendimenti più elevati risultano avvantaggiati dal flusso cedolare e dalla reazione tempestiva dei propri Istituti, mentre nei prossimi mesi potrebbero risultare più sotto pressione i bond dei paesi che offrono rendimenti più bassi e che sono ancora alle battute iniziali della fase restrittiva.

Scarica documento

Soft Commodity: cauto ottimismo sul 2021

Sulle commodity agricole ci si appresta a chiudere il 2020 con quotazioni particolarmente elevate. Restiamo dell’idea che l’appeal degli Agricoli sugli investitori possa continuare a favorire un quadro positivo per il prossimo anno, anche per il sotto comparto delle Soft Commodity.

Scarica documento

Testo modificato il: 11.04.2015